L’archivio di Colombo Industrie Tessili in 5 parole

da | CULTURE

“MADE – ITALIAN – FABRICS – Sustainability – Innovation”. Sono le parole a caratteri cubitali sulla parete del nuovo archivio di Colombo Industrie Tessili, difficili da non notare nonostante i meravigliosi tessuti da cui si è circondati.

Colombo Industrie Tessili

Sono cinque parole non solo d’impatto ma che rappresentano le fondamenta su cui l’azienda si regge dal 1962. Per festeggiare l’evento la mattina del 23 maggio Colombo Industrie Tessili ha aperto le porte della sua sede a Fino Mornasco (CO) per presentare il nuovo archivio storico realizzato per celebrare il 60esimo anniversario dalla fondazione.

Una sorta di fotografia in tessuti che ha dato l’occasione a Stefano e Massimo Colombo, rispettivamente Presidente e AD dell’azienda, per raccontare storia, progetti e ambizioni in uno spazio suggestivo. Basta guardarsi intorno per percepire le influenze e il valore di quella che è un’industria che racconta bene l’essenza del made in Italy. Si entra in contatto con una cifra di ricchezza che fa apparire il mondo del lusso, come dalla società percepito, un piccolo puntino nell’oceano blu.


L’intera esperienza ha cavalcato l’onda della creatività: come un disegno astratto su un foglio bianco. La fantasia da un semplice schizzo su carta viene trasformata in meravigliosi jacquard grafici. Tutto grazie al talento di un’azienda a gestione familiare di seconda generazione. Nata in provincia di Como nel ’62, dal desiderio di Piero Colombo e di sua moglie Anita di trasformare i valori della tradizione manifatturiera italiana in una moderna filosofia produttiva: basata su rispetto, etica e qualità del prodotto. Il Gruppo oggi vanta collaborazioni con importanti nomi del lusso e creativi grazie alle tre suddivisioni da cui è composto. Con brand diversi tra loro, ma comunque uniti nell’ispirazione:

Colombo, che interpreta in chiave moderna tessuti tradizionali con nuove tecniche e pattern originali

ITS Artea, acquisito nel 2008 e prestigioso marchio nel mercato dei tessuti tecnici per l’outwear, fondato
sulla ricerca per la progettazione dei tessuti

MarioBoselli Jersey, che entra a far parte del Gruppo nel 2012 definendo una nuova sfida. Ovvero sperimentare nuove forme di interazione tra le diverse tecniche produttive di Colombo.

Progetto 62 Colombo

A questi si aggiunge, dal 2020, Progetto|62. “Volevamo già nel nome esprimere un concetto Dadaista: progetto vuol dire tutto e non vuol dire niente” racconta Arman Avetikyan, designer di talento alla guida dell’iniziativa. “La vera personalizzazione è data dal numero 62, richiamo all’anno di fondazione dell’azienda.”

Progetto|62 nasce dall’idea di realizzare un vero e proprio laboratorio di ricerca a 360° raccontando il Know-How di tutte le aziende all’interno del gruppo. “Eravamo curiosi di vedere cosa sarebbe successo unendo queste dimensioni così diverse tra di loro dal punto di vista commerciale. Il risultato è piaciuto a noi ma è piaciuto ancor di più ai nostri clienti.”


Si tratta di un’iniziativa alla base della quale vi sono creatività, innovazione e sostenibilità. Importante per Colombo Industrie Tessili era insomma creare qualcosa che sintetizzasse il lavoro di sessant’anni, all’interno di un progetto innovativo e coerente con quella che è la direzione presa dall’azienda in ogni ambito: quella della sostenibilità. Progetto|62 punta sul recupero dei tessuti e degli scarti industriali, portandoli a nuova vita grazie a trattamenti all’avanguardia. Le collaborazioni con giovani designer, scuole di moda e artigiani creano un brainstorming costante in grado di generare, da sole idee, dei prodotti innovativi in grado di dettare tendenza nel mondo del lusso. In fondo, come lo stesso Avetikyan ha sintetizzato, “non importa da dove inizi la produzione, l’importante è che il risultato sia comunque interessante”. Praticamente, da 60 anni, il motto di Colombo Industrie Tessili.

A questo link il sito dell’azienda.